Il ginecologo e direttore del centro di fecondazione assistita di Conversano e il primario di anestesiologia della stessa clinica saranno processati per l'omicidio colposo di una donna deceduta durante un intervento di fecondazione assistita. I medici infatti, pur sapendo di trovarsi di fronte ad una donna affetta da obesità e diabete e con lieve insufficienza cardiaca, avrebbero omesso di disporre la necessaria valutazione cardiologica prima dell'esecuzione dell'intervento. Avrebbero poi omesso di sospendere la procedura nonostante i sintomi sopravvenuti, continuando a somministrare ulteriore anestesia fino al decesso della paziente per aritmia cardiaca.

Invitiamo tutti i visitatori di questo portale ad associarsi tramite l’apposito form telematico, per fruire dei servizi messi a disposizione dalla nostra associazione, o contattarci alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Contatta l'esperto